lettere dal mio gatto

Lettere dal mio gatto

Cos’è

Lettere dal mio gatto, di Helen Hunt Jackson, è un libro adorabile. Si tratta, come anticipa il titolo, di lettere che sono state scritte all’autrice dal suo gatto quando lei aveva nove anni ( «o almeno questo è quello che mi ha fatto credere mio padre», viene raccontato). Si tratta di un gioiellino recuperato da una casa editrice che ho scoperto di recente, e di cui mi sono innamorata: La vita felice (e già questo ci procura un sorrisino involontario). Ma andiamo per ordine.

L’autrice

Helen Hunt Jackson, nata Helen Maria Fiske, nasce in Massachussets nel 1830 e durante la sua vita affronta diversi lutti familiari e una brutta malattia. Poetessa fin da piccola, infonde tutto il dolore della perdita nei suoi versi, finché non si appassiona alla causa degli indiani d’America ascoltando un discorso di un appartenente alla tribù Ponca a Boston. Da quel momento inizierà a scrivere, sostenendo la causa delle tribù cacciate dai loro luoghi di origine, dapprima nelle sue opere, e poi con lettere sempre più frequenti al New York Times e ai giornali locali. Il riassunto è per darvi un po’ di contesto, ma non è di questo che voglio parlarvi.

La trama

Nel 1879, infatti, l’autrice recupera quelli che immagino essere ricordi d’infanzia, per regalare con Lettere dal mio gatto una storia divertente a grandi e piccini. La protagonista di questo racconto, Micina, è infatti una gattina estremamente sfortunata, impacciata, grassa, timida e affettuosa, che è amatissima dalla sua padroncina ma a poco a poco detestata dalla maggior parte della famiglia, per via dei guai che combina. Mentre la prima parte della storia è narrata dalla bambina, la seconda è composta dalle vere e proprie lettere, concentrato di autentica simpatia felina, che vengono spedite alla padroncina in un periodo in cui quest’ultima si deve assentare da casa.

Non penso di avere mai pienamente realizzato lo svantaggio dell’essere solo un gatto. Sono appena stata da un capo all’altro della strada e ho parlato con la felina del giudice, ma è molto anziana e stupida, e così assorbita dai suoi sei micini (che peraltro sono i più brutti che abbia mai visto), da non interessarsi minimamente agli affari del vicinato.

Non voglio anticiparvi di più perché si tratta veramente di un’opera brevissima, ma sono sicura che vi innamorerete.

Il consiglio

Questo libricino è il regalo perfetto per un amante dei gatti. Un pensiero piccolo, per nulla impegnativo, ma simpatico e dolce. Un testo curioso per venire a conoscenza di un’autrice interessante e poco famosa, e spingere ad approfondire le sue opere principali. Anche io l’ho ricevuto in regalo e l’ho apprezzato molto, anche perché mi ha dato la possibilità, come vi dicevo, di conoscere questa piccola casa editrice, che vi consiglio assolutamente di andare a visitare online: https://www.lavitafelice.it/

La casa editrice

La vita felice nasce come me nel 1992, e si occupa principalmente di opere trascurate o che necessitano di nuove traduzioni. Hanno diversi classici greci e latini, appunto appena ritradotti, e una vasta gamma di opere minori di molti scrittori famosi, con una predilezione particolare per la natura. Per un approfondimento, qui il link di un’intervista a Gerardo Mastrullo, l’editore: https://youtu.be/AsZuzzjq5FA.

Ovviamente si tratta di una casa editrice di nicchia, molto settoriale e specializzata, quindi non tutto è di immediato interesse, ma ha a mio avviso una cura maniacale per i dettagli, di questi tempi una rarità.

Una cosa che ho adorato di Lettere dal mio gatto è l’impaginazione del libro, che (dimenticavo!) ha il testo a fronte, per poter godere della stesura originale e della (ottima) traduzione di Benedetta Casella. Per me che sono appassionata di traduzione è stato bellissimo poter passare da una pagina all’altra, da una lingua all’altra, senza mai perdere il filo per una diversa impaginazione nelle due lingue. Le immagini poi sono speciali, e il cartoncino semplice scelto per le copertine è semplicemente perfetto. Lo adoro, e non vedo l’ora di immergermi nella lettura di Camminare di Henry David Thoreau, sempre edito da loro, e di cui vi farò sapere.

Buona lettura!

Come al solito, per altre letture, visitate la pagina recensioni:

https://lerighedipersefone.net/category/recensioni/

Rispondi